image-592

facebook
whatsapp
image-452

facebook

#Maloenton #ApolloMaloente #Benevento #Pizie #AnticheJanare a cura di #PietroDiffidenti

2021-02-23 13:18

author

Attualità, Irpiniareport,

#Maloenton #ApolloMaloente #Benevento #Pizie #AnticheJanare a cura di #PietroDiffidenti

#Maloenton #ApolloMaloente #Benevento #Pizie #AnticheJanare

news94-1616671559.png

A cura di #PietroDiffidenti Tutti gli Autori concordano che la prima Benevento fu Maloenton e su questo almeno ci siamo; Il problema nasce quando ardite commistioni di termini antichi osco-sanniti sono affastellati in improbabili congiunture o cuciture per affermare che quella fu la primiera origine,anche se poi si afferma che Maloenton fosse stata la sede di Incontro di Enea e Diomede e tutto è collegato alla leggenda di Diomede e del cinghiale Calidonio, ucciso da Meleagro, la cui zanna fu portata dal prode Argolide fondatore, come avvalorato dagli studi e ritrovamenti del Garrucci di monete raffiguranti Apollo Maloeis (protettore del bestiame) ed una Donna con la testa nel "Sakkos" (Ovviamente una Pizia), mentre il riferimento del Vergineo al Dorico Malon(gregge di pecore) è riferito al culto di Cerere e non di Apollo.Indi ,Benevento città di fondazione Osco-Sannita come affermato da molti o Graecanica ( preEllenica)?Il #Diffidenti che scrive, afferma che l’intrigo sia più fitto e suggestivo e che la fondazione fu Graecanica Pelasgica e Fenicia proprio perché Maloenton deriva da migrati della città Pelasgica di Mitilene e da Malo porto della Cilicia; Lesbo (Mitilene),ove nacquero Saffo ed Alceo e comunque correlata all’Argolide ed a Diomede;Mitilene ,nella drammaturgia, ritenuta sorella di Diomede,rapita dal Re Dauno e sorella di Parthenope.Difatti a Mitilene vi era il culto di Apollo Maloente,si narra che i Mitilienei durante il Rito di Apollo Maloente fossero stati attaccati dagli Ateniesi in quanto durante la festa si riuniva tutta la popolazione lasciando sguarnite le difese.Di conseguenza Maleonton è un appellativo sacro o sinonimo di Apollo e Benevento non è di fondazione Osco-Sannita,ma Pelasgica Mitilenica e Malonica Cilicia e territorio di Guerra anche aspra e cruenta tra popolazioni che si contendevano il territorio ,poi inquadrato successivamente nella Regio 2 Apulia,Calabria dai Romani, che assimilarono tutti al loro dominio,stante l’episodio umiliante per loro delle Forche Caudine ( 321a.C.)Probabilmente queste Feste di Apollo Maloente non erano,in definitiva,proprio benemerite,tra riti forse anche saffici e sacrifici di animali o umani,se proprio ci vogliamo vedere un Male o un Male Eventum nella rappresentazione reale,ai tempi, della Festa Maloente .Poi come ho detto il territorio fu un terribile campo di battaglia,per cui dalla prima fondazione alla fine delle tre guerre sannitiche, ed anche con le vicende legate a Pirro ed Annibale,la situazione del dominio è stato per secoli incerta.In pratica la Fondazione è Graecanica dalla "sorella" Mitilene di quel Diomede che portò il pileo o berretto frigio sopra la galea cristata fatto di setole di cavallo e Fenicia da Malo o Mela figliuolo di Manto;Lesbo che fu Patria anche di Terpando che inventò il verso Elegiaco e di Alceo che inventò quello Eolico e vi abitò il Re Tirreno Eolo per cui Pindaro,Orazio e la Lirica Eolica.Da Lesbo e Argo sorelle Arcadiche e da Malo,in seguito a migrazioni determinate da conflitti con gli Ateniesi arrivarono sul Gargano i Pelasgi Achei o Argivi che intrapresero guerre ed alleanze con i Dauni e furono spinti oltre a Benevento ed in Irpinia dai Dauni o dai Sanniti innestando i loro usi e costumi,tra cui i riti di Apollo Maloente .Difatti il Berkelio nelle sue Annotazioni ad Steph. pretende che si debba dire Malloente.Questo Apollo prese il nome dal luogo,dove si venerava, che si chiamava Malloente da Mela figliuolo di Manto.Manto,figlia dell’indovino Tebano Tiresia dal quale aveva ereditato le capacità magiche e divinatorie, ricordata da Virgilio nell’Eneide ( Aeneide X.198-200), da Sergio nel suo commento a Virgilio,da Ovidio (Metamorfosi VI, 157 e seguenti) e da Stazio (Thebais, IV 463-466 e VII 578 e seguenti);Fu consacrata sacerdotessa di Apollo a Delfi,per Virgilio fu moglie di Tosco e madre di Ocno e Mopso,il cui padre è Apollo,Mopso fondatore della città Cilicia di Mallo e proveniente da Troia.Mallo città degli Argivi o Achei,porto strategico tra Oriente ed Occidente assimilata anche alla Fenicia, che avvalora l’origine Graecanica Fenicia oltre che di Benevento anche di Avellino dal Re Fenicio Belo.Per dire l’origine di Maloenton è a cavallo tra due Civiltà come il culto di questo Apollo specifico e Mela o Malo e le sacerdotesse di questo Tempio furono probabilmente le prime streghe di Benevento sulle cui tracce molti secoli dopo si misero non solo i Longobardi cristianizzati che sradicarono il Noce sul fiume Sabato ma anche tra il 1424 ed il 1427 San Bernardino da Siena che attraversando lo stretto di Barba arrivò a Benevento proveniente da Monteforte, ma questa è altra storia che racchiude quel periodo oscuro della Santa Inquisizione,dei processi e la caccia alle streghe o janare che esiziavano sui roghi.Le Pizie,sacerdotesse di Apollo emettevano i loro vaticini in uno stato di alterazione mentale,allucinazione o trance, indotta aspirando i vapori che fuoriuscivano da una fessura nel suolo o masticando vegetali allucinogeni come l’alloro riferendo in maniera confusa al sacerdote che interpretava nel supplice, niente di più probabile che le Pizie che subivano l’effetto del Pneuma contorcendosi e parlando in esaltazione mistica proferendo confusi vaticini fossero nell’immaginario antico le ascendenti delle Janare.E’ chiaro che questa indovazione degli Argivi e delle Pizie ha dato al luogo non solo il Toponimo ma quell’alea mitica,mistica ed esoterica che caratterizza da sempre la cultura del luogo fino a farlo divenire "Leggenda".Concludo affermando un distinguo netto tra il culto Dorico di Cerere in Tessaglia ( Malon)e il culto di Apollo Maloente di origine Graecanica-Pelasgica-Fenicia che racchiude la reale origine Argiva o Achea.

Direttore responsabile Katiuscia Guarino
​redazione@irpiniareport.it

Irpinia Report - Quotidiano d'informazione della Campania e della Provincia di Avellino. Registrazione Tribunale di Avellino n.1/2011 del 3 febbraio 2011
Copyright © Irpinia Report Partita IVA: 02606770648 - Tutti i diritti sono riservati. Vietata la riproduzione, anche parziale, senza inequivocabile autorizzazione dell'editore

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder